Home Alimentazione Mangiare sano I chiodi di garofano: le proprietà curative

I chiodi di garofano: le proprietà curative

Ultima modifica: 14 luglio 2016

27897
9
CONDIVIDI

Il chiodo di garofano è una spezia che gode di un veri e propri poteri curativi

Il chiodo di garofano è una spezia molto usata in cucina, di provenienza asiatica. Il nome è dato dal fatto che questa spezia ricorda il garofano ma in realtà è il bocciolo essiccato della pianta di Eugenia caryophyllata, un albero molto diffuso in oriente.
Per secoli è stato al centro del commercio delle spezie provenienti dalle lontane isole Molucche, in Indonesia.

I chiodi di garofano contengono flavonoidi, tannini, triterpeni e composti volatili tra cui l’eugenolo, componente base dell’olio essenziale e responsabile del potere analgesico di questa spezia. Fin dall’antichità i chiodi di garofano venivano utilizzati proprio per le proprietà analgesiche, trovando il maggior utilizzo nella cura del male ai denti e per lenire le infiammazioni cutanee.
Oggi questa spezia è molto utilizzata in cucina e gode di vere proprietà curative.

Le proprietà del chiodo di garofano

Antinfiammatorio

Le proprietà antinfiammatorie del chiodo di garofano sono conosciute da secoli. Questo beneficio è dato dai flavonoidi in essi contenuti.

Anestetico

I chiodi di garofano godono di ottime proprietà anestetiche, per questo vengono utilizzati spesso come rimedio naturale contro il male ai denti, applicandoli direttamente sulla parte dolorante o tramite gargarismi.

Benefici all’apparato digerente

I chiodi di garofano migliorano la capacità del cibo di passare per l’intestino, senza creare accumuli di tossine.

Antimicrobico

I benefici antimicrobici dei chiodi di garofano sono conosciuti da secoli, tanto che gli antichi egizi li utilizzavano per imbalsamare i cadaveri ed evitare il formarsi di funghi e batteri dannosi.
Oggi gli infusi di questa spezia sono utilizzati per combattere micosi della pelle, spesso uniti a timo e coriandolo.

Tonico

I chiodi di garofano aiutano a vincere la spossatezza e il mal di testa, stimolando la circolazione sanguigna. Per questo motivo i chiodi di garofano sono considerati dei buoni afrodisiaci.

Antiossidante

I chiodi di garofano sono ricchi di antiossidanti e quindi contrastano l’invecchiamento della pelle e il formarsi di pericolosi radicali liberi.

Conservano i cibi

I chiodi di garofano godono di un’altra interessante proprietà: aiutano a conservare più a lungo i cibi. Questo grazie alla capacità di ostacolare il processo di ossidazione dei grassi, facendo in modo che i cibi possano conservare più a lungo la loro freschezza e le loro caratteristiche nutrizionali.

Qualche consiglio su come utilizzare i Chiodi di garofano

Come usare i Chiodi di garofano in cucina

In cucina questa spezia è spesso utilizzata come accompagnamento a carni, formaggi stagionati e alcune verdure. In tal caso aggiungere pochi chiodi di garofano nel condimento. Molto utilizzati anche per aromatizzare vini, liquori e dolci.

I Chiodi di garofano a scopo terapeutico: le proprietà medicinali

L’ infuso di Chiodi di garofano viene utilizzato per attenuare la nausea, l’indigestione ed i disturbi intestinali: la dose consigliata è quella di 1 o 2 chiodi ogni 15 ml di acqua calda.
In alternativa all’infuso si può utilizzare la tintura madre da assumere 30 gocce in poca acqua 3 volte al giorno (salvo indicazioni diverse da parte del medico o dell’erborista).
L’olio essenziale di Chiodi di garofano è un valido antisettico contro i virus e le micosi, inoltre svolge un’efficace azione anestetica.

Gli altri utilizzi dei Chiodi di garofano

Se messi negli armadi in sacchetti aromatici i chiodi di garofano terranno lontane le tarme, così come se messi in un piccolo contenitore nelle dispense in cucina terranno lontane le farfalline del cibo.
I chiodi di garofano, uniti al limone, se messi sul davanzale aiutano a tenere lontano le mosche.

Controindicazioni, effetti collaterali e interazioni

Evitare l’utilizzo nella fase finale della gravidanza. Non utilizzare in caso di ulcera o di ipersensibilità verso uno o più componenti.
A dosi elevate l’Olio essenziale di Chiodi di Garofano è tossico per il fegato ed il sistema nervoso.
Non applicare l’olio essenziale puro sulle gengive e sulla pelle perchè è irritante, diluiscilo sempre con un olio vegetale neutro (per esempio l’Olio di mandorla).

Hai letto: I chiodi di garofano: le proprietà curative

9 COMMENTI

  1. Salve vorrei sapere seV4H3 i chiodi di garofano hanno interazioni e/o comunque non sono adatti alle persone come me con ipertensione Grazie.

  2. E’ vero che i chiodi di garofano sono anti infiammatori: avevo problemi a denti e gengive e mi sono ricordata che mi era stato detto di mettere un chiodo di garofano in bocca per attenuare il dolore. Anche il cavo orale ha avuto giovamento. Ho voluto documentarmi e vorrei sapere se mi faccio del male a lunga scadenza continuando giornalmente a mettere un chiodo di garofano in bocca tutte le mattine. Lo tengo per ore e non me ne accorgo neanche. Canto anche in un coro e capisco che la voce è molto più limpida e chiara. Vorrei sapere se provoca danni o se posso continuare così. grazie in anticipo della risposta

    • Ciao, secondo me non crea nessun problema, finchè ti senti che fa bene continua! Anche io uso i chiodi di garofano quando ho male ai denti. Sono ottimi!

      • Gentile Sig. Paolo, Non sono un medico, ma sono un appassionato consumatore di chiodi di garofano. Tuttavia, ho letto in svariate ricerche (se conosce l’Inglese, le consiglio di andare a cercare i relativi articoli in Inglese su Google), da cui si evince che “finché ti senti bene continua” non è un consiglio sano. Infatti, i chiodi di garofano, come tante altre spezie, portano con sé oltre a vari benefici, anche un discreto corredo di controindicazioni. Non ho idea se gli effetti negativi possano essere scatenati anche dall’uso che ne fa la sig. Graziella, tuttavia consiglio di informarsi prima di consigliare a qualcuno “vai, vai, fai come ti pare”. Riporto dall’articolo di cui sopra: “dosi elevate di olio essenziale di chiodo di garofano sono tossiche per il fegato ed il sistema nervoso”. Tutto, va preso cum grano salis.

    • Puoi usare qualche chiodo di garofano come condimento in cucina, per beneficiare delle sue proprietà generali. Nel caso ad esempio di male ai denti, come scritto, basterà applicarlo direttamente sul dente dolorante, in tal caso ne basta uno solo. Se devi fare un infuso puoi metterne uno o due ogni 10-15 ml di acqua.
      Saluti

LASCIA UN COMMENTO

*