Home Alimentazione Mangiare sano Come cucinare la zucca: idee, preparazione e consigli d’uso

Come cucinare la zucca: idee, preparazione e consigli d’uso

Ultima modifica: 22 novembre 2016

635
2
CONDIVIDI
Come cucinare la zucca e idee per le ricette

La zucca è un ortaggio dolce e gustoso, fonte di elementi nutritivi importanti ed adatto anche a chi segue una dieta dimagrante. Se volete saperne di più su come cucinare la zucca, gli abbinamenti e gli utilizzi in cucina non vi resta che leggere i nostri consigli.

Zucca: un ortaggio adatto a tutti

La zucca è un frutto di una pianta appartenente alle cucurbitaceae originaria dell’America Centrale diffusa oggi in tutto il mondo.

Contrariamente a quanto si possa pensare, dato il sapore molto dolce della zucca, è un alimento adatto anche ai diabetici grazie alla sua azione ipoglicemizzante. Così come tutti gli ortaggi di colore arancione, la zucca è ricca di beta-carotene importante per la formazione della vitamina A ed un ottimo stimolante per l’abbronzatura.

La polpa della zucca contiene in gran parte acqua, ma è anche fonte di elementi nutritivi importanti quali vitamina C, E, B1 e B6, minerali e antiossidanti. Vanta pochissime calorie quindi è adatta a chi segue un regime alimentare dietetico, ed è ricca di fibre risolvendo così anche problemi di stitichezza.



Come cucinare la zucca: preparazione, idee e abbinamenti

Tipologia e preparazione della zucca

Per cucinare la zucca, in genere viene utilizzata la cucurbita (Cucurbita maxima, Cucurbita pepo, Cucurbita moschata), la variante più diffusa di questo ortaggio, del quale però ne esistono varie specie, diverse per forma (ci sono quelle dalla forma allungata e quelle più tonde), per consistenza (dalla polpa asciutta e cremosa e quelle più acquose) o alcune anche solo ornamentali.

La zucca si può cucinare in diversi modi: al forno, al vapore, stufata, arrostita, ed è molto versatile in cucina poiché si presta per ricette salate come pane, minestre, vellutate, risotti, e preparaziondi dolci come torte e biscotti.
 Vediamo di seguito un elenco dei principali tipi di cottura della zucca:

  • Zucca al forno: la zucca può essere cotta in forno ad esempio al gratin e in questo caso, dopo aver eliminato la buccia, va tagliata a fette sottili, va cosparsa una spolverata di pangrattato e spezie, un filo d’olio extravergine d’oliva e diventa uno sfisioso contorno; il tempo di cottura della zucca al forno è di circa 15/20 minuti ad una temperatura di 200°;
  • Zucca al vapore: questa preparazione è ideale per un piatto davvero light e dietetico o utilizzata per realizzare primi piatti leggeri ma gustosi come risotti e vellutate. La zucca al vapore può essere cotta tramite la vaporiera (il tempo di cottura sarà di circa 15/25 minuti, a seconda della consistenza che si vuole ottenere) o con la pentola a pressione (in questo caso dovrà cuoere per circa 10 minuti);
  • Zucca lessa: un’altra possibilità che abbiamo per cucinare la zucca (anche se vi consigliamo di preferire la versione al vapore) è quella di farla bollita. In questo caso si lascia bollire in acqua con un pizzico di sale per circa 15/20 minuti. L’utilizzo sarà il medesimo della zucca al vapore;
  • Zucca impanata: in questa versione, la zucca va tagliata a fette, impanata e fritta e può essere utilizzata anche anche come ripieno di torte salate e pizze. In generale ricordiamo che la frittura non è il metodo di cottura da preferire per un’alimentazione sana.

Gusto ed utilizzo della zucca in cucina



Il sapore della polpa di zucca è tendenzialmente dolce, ma dipende anche dal tipo di zucca di cui si tratta. Grazie al suo gusto delizioso e al fatto che si presta bene in diverse ricette, viene largamente usata in cucina.

Molto noti sono i tortelli alla mantovana, ripieni appunto di zucca e amaretti, che dopo essere stati bolliti, vengono conditi con burro e salvia. Se proprio volete stupire gli ospiti potete provare a preparare gli gnocchi alla zucca, un piatto davvero squisito che prevede un composto a base di farina, uova, formaggio e polpa di zucca.

La polpa di zucca può essere impiegata anche negli impasti come quello del pane, permettendo la realizzazione di un pane aranciato e molto soffice. Se vi piace osare potete usarla nei dolci, vi ricordiamo inoltre che 70 grammi di purea di zucca è in grado di sostituire 1 uovo.



Della zucca si possono mangiare anche i fiori, di solito quelli maschili cioè con il gambo, che sono squisiti impastellati e fritti o semplicemente usati come condimento di pizze e pasta.



Oltre la polpa e i fiori, sono gustosi anche i semi al suo interno. I semi di zucca sono noti per le diverse proprietà benefiche ed è possibile prepararli in casa facilmente: dopo averli estratti dalla zucca vanno puliti con un panno asciutto e infine si tostano in forno a 180 gradi fino a che non risultano dorati. Anch’essi sono molto versatili, si impiegano soprattutto nel pane o tritati a farina per impanare polpette vegetali o per la preparazione di biscotti.



Sempre dai semi si ottiene un olio benefico che può essere usato a crudo per condire insalate e verdure, oppure in ambito cosmetico come emolliente, contro i rossori della pelle e sul cuoio capelluto per contrastare la caduta dei capelli.

Abbinamenti consigliati con la zucca



Sono diverse le spezie e gli aromi che si sposano bene con la zucca quindi potete veramente spaziare e sperimentare scegliendo poi gli accosamenti che preferite. Come contorno, che sia cotta al forno o arrostita in padella, può essere insaporita con rosmarino, origano, pepe, prezzemolo, aglio e zenzero, olio extravergine d’oliva e se preferite anche l’aceto balsamico.


In caso di vellutate, risotti e primi piatti in genere vanno bene il rosmarino, la salvia, la curcuma, la noce moscata, la cipolla, e nei ripieni anche gli amaretti sbriciolati. 
Se non avete idea di quale siano gli ortaggi e i legumi con cui si sposa meglio possiamo garantirvi che ceci, fagioli borlotti, patate e carote sono quelli con cui potete andare sul sicuro.


Per quanto rigurda i dolci invece la zucca viene spesso associata alla frutta secca, cioccolato, e arancia e a spezie quali la cannella e lo zenzero. Potete usare la polpa stufata e ridotta in purea per preparare torte, cupcake e biscotti.


Cucina nel mondo


Pumpkin pie è un dolce americano molto famoso con un ripieno a base di zucca che in genere viene servito nel giorno del Ringraziamento. Ha una base di pasta frolla che accoglie una farcitura generosa con purea di zucca, uova, melassa, panna e spezie (cannella, zenzero, noce moscata, e pisto).


Conservazione


Una volta aperta la zucca può essere conservata in frigorifero, avvolta nella pellicola, per alcuni giorni. In alternativa potete eliminare la buccia, tagliarla a cubetti e congelarla, in questo caso però dovete tener presente che diventerà più acquosa.

Curiosità
Nei paesi anglosassoni il giorno di Halloween la zucca viene intagliata per costruire la tipica lanterna Jack o’ lantern, che secondo la tradizione, serve a scacciare gli spiriti maligni che vagano perduti sulla terra.

Hai letto: Come cucinare la zucca: idee, preparazione e consigli d’uso
Emanuela Burzi
Emanuela Burzi è esperta di cucina naturale e specializzata in ricette vegane. Da diverso tempo si occupa della scrittura di testi per molteplici siti ed è autrice del blog Ricette al femminile, un sito ricco di ricette e consigli utili per la cucina. Appassionata di benessere e prodotti bio si dedica con passione ad approfondimenti su temi legati al vivere e al mangiar sano. ricettealfemminile.it

2 COMMENTI

  1. peccato che per sfruttare tutte quelle buone vitamine alla gente non viene detto che dovremmo mangiarla cruda la zucca, ma non solo questa. Praticamente la maggior parte delle verdure che mangiamo, poichè molte vitamine sono termolabili e quindi la cottura le annienta.

    • Ciao Nicoletta,
      quello che dici è generalmente vero. Tuttavia vi sono alcuni nutrienti, tra cui il beta carotene (di cui la zucca è ricca), che vengono resi maggiormente biodisponibili proprio dalla cottura. È comunque sempre consigliato, quando si voglia cuocere i vegetali, di farlo per tempi ridotti e possibilmente con cotture delicate (ad esempio al vapore).
      Un caro saluto 🙂

LASCIA UN COMMENTO