Home Alimentazione Mangiare sano Ciliegie: proprietà, benefici e controindicazioni

Ciliegie: proprietà, benefici e controindicazioni

Ultima modifica: 20 giugno 2016

5712
0
CONDIVIDI
Ciliegie: proprieta, benefici e controindicazioni

Una ciliegia tira l’altra. Scopriamo proprietà, benefici e controindicazioni della ciliegia, uno dei frutti più golosi che c’è.

Le ciliegie appartengono alla famiglia delle Rosacee. Ne esistono moltissime varietà; in Italia, per esempio, sono particolarmente note la Mora di Vignola, scura, pregiata, grossa e polposa e la ciliegia Ferrovia, tipicamente pugliese, grossa e polposa.

Non conosciamo con certezza l’origine di questa pianta, presente nell’area del Mediterraneo da circa 3.000 anni.

L’ipotesi più accreditata è che provenga dall’Asia. Il periodo di maturazione varia secondo la qualità; quasi tutte, comunque, sono pronte per essere mangiate tra maggio e giugno.

Le ciliegie vanno staccate dall’albero solo quando sono giunte a maturazione; una volta raccolte, infatti, non maturano più.

Valori nutrizionali per 100g di ciliegie:
Acqua82,25 g
kcal63
Proteine1,06 g
Grassi0,2 g
di cui saturi0,038 g
Carboidrati16,01 g
di cui zuccheri12,82 g
Fibre2,1 g
Potassio222 mg
Indice glicemico25
Colesterolo0 g

Le proprietà nutritive delle ciliegie

Le ciliegie contengono un buon quantitativo di vitamine e minerali, prevalentemente vitamina A, vitamina C, calcio, magnesio, potassio e fosforo. Come tutti i frutti rossi, sono ricche di sostanze antiossidanti.
Sono prevalentemente composte da acqua e dunque fortemente idratanti, oltre che diuretiche. Le ciliegie contengono melatonina, una sostanza che favorisce il sonno.

Le ciliegie per la salute cardiovascolare

Le ciliegie sono ricche di levulosio, uno zucchero a basso indice glicemico, che quindi viene assorbito più gradualmente dall’organismo. Grazie alla loro composizione, inoltre, sembra che aiutino a mantenere normali i livelli di colesterolo nel sangue.
Per la ricchezza di fibre solubili, hanno un elevato indice di sazietà a fronte di un potere calorico limitato e possono quindi costituire un ottimo spuntino per chi abbia la necessità di perdere qualche chilo. Il mantenimento del peso corporeo nella norma è un altro fattore importantissimo per la salute cardiovascolare.

Le ciliegie per la salute del fegato

Le ciliegie contengono acido malico, una sostanza in grado di stimolare l’attività del fegato. Grazie alla loro composizione, le ciliegie sono depurative, drenanti e disintossicanti.

Le ciliegie per il benessere delle articolazioni

Secondo uno studio del Western Human Nutrition Research Center di Davis, in California, le ciliegie sarebbero in grado di svolgere un’azione antinfiammatoria e antidolorifica a vantaggio delle articolazioni, grazie alla presenza di antociani.

Le ciliegie per la bellezza della pelle

Le ciliegie contengono caroteni e stimolano la produzione di collagene, due sostanze che, in maniera diversa, favoriscono benessere e bellezza della pelle. La loro polpa, infatti, viene spesso usata anche nella preparazione di creme e maschere per il viso.

Controindicazioni delle ciliegie

Le ciliegie hanno importanti proprietà lassative e, nei bambini sotto i tre anni d’età, andrebbero assunte in piccolissime quantità perché, nei più piccoli, possono essere causa di diarrea.

Curiosità
Nella mitologia greca, il ciliegio era la pianta sacra a Venere. Da qui, un’antica credenza popolare secondo cui le ciliegie portano fortuna agli innamorati e, dunque, le dichiarazioni d’amore fatte sotto un ciliegio garantirebbero un legame forte e duraturo.
Hai letto: Ciliegie: proprietà, benefici e controindicazioni
Margherita Russo
Traduttrice, redattrice e blogger specializzata in contenuti per la medicina. Ha un blog, Apprendista mamma, in cui tratta vari temi legati alla maternità, con particolare attenzione a benessere di mamma e bambino. Scrive per portali e blog che si occupano di salute naturale e stile di vita sano.www.testimedici.com

LASCIA UN COMMENTO

*