Home Alimentazione Mangiare sano Bruscandoli: proprietà, controindicazioni e usi in cucina

Bruscandoli: proprietà, controindicazioni e usi in cucina

Ultima modifica: 13 marzo 2017

16949
0
CONDIVIDI
Proprietà dei bruscandoli

I bruscandoli (germogli del luppolo selvatico) sono erbe spontanee molto salutari impiegate in cucina, andiamo a scoprire le loro proprietà e come cucinarle.

I bruscandoli sono i germogli del luppolo selvatico (humulus lupulus L.), spesso conosciuti con il nome di asparagina selvatica perchè assomigliano a degli asparagi selvatici. Hanno una lunghezza di circa 20 cm e vengono raccolti in primavera, tra marzo e maggio in riva ai fiumi, in mezzo ai rovi e alle siepi.

Sono i germogli del luppolo, conosciuto solitamente perchè impiegato per fare la birra, ma in realtà veniva impiegato fin dai tempi antichi, nella medicina cinese, come rimedio digestivo e per il trattamento di dissenteria e varie affezioni intestinali.

Habitat: la pianta del luppolo predilige ambienti freschi e terreni fertili, essa cresce spontaneamente sulle rive dei corsi d’acqua, lungo le siepi, ai margini dei boschi e dalla pianura fino ad un’altitudine di 1.200 metri.

Proprietà dei bruscandoli

I germogli del luppolo sono ipocalorici, un mazzetto di bruscandoli contiene 10 kcal.
I bruscandoli hanno proprietà tonificanti, rinfrescanti, diuretiche e lassative. Sono considerati anche purificatori del sangue, stimolanti delle funzioni epatiche e sedativi. Combattono la cellulite, purché cucinati con pochi grassi. Sono molto apprezzati in cucina, una volta raccolti vanno utilizzati il prima possibile per poterne apprezzare appieno il sapore, che è veramente molto particolare.

Come riconoscere l’asparagina e come si pulisce

Quando c’è il periodo della raccolta, meglio partire con un sacchetto di carta (tipo quelli del pane), la plastica è sconsigliata perchè non farebbe “respirare” i germogli, soprattutto in una giornata di sole.
Una volta raccolti, vanno lavati bene sotto l’acqua e possibilmente usando anche del bicarbonato.

Se ne usano le cime, le foglie e a scelta anche il gambo che tagliato a pezzetti è ottimo per le frittate, mentre i gambi più duri andranno tolti.

E’ preferibile utilizzarli appena raccolti per usufruire appieno delle loro proprietà, ma si possono conservare per alcune ore mantenedo il mazzetto in un bicchiere con dell’acqua.

Consigli per utilizzare l’asparagina in cucina

Diverse sono le ricette impiegate con queste erbe spontanee dal sapore delicato, con un leggero gusto amarognolo.
Solitamente i bruscandoli sono molto usati per fare il risotto con bruscandoli, in questo caso vengono impiegati 300 grammi di bruscandoli per 4 persone e vengono inseriti all’inizio quando si forma il soffritto prima di fare il classico risotto o orzotto oppure vengono lessati prima e aggiunti quando il riso è tostato e si inizia ad aggiungere il brodo.

Gnocchi di bruscandoli Un’idea diversa per utilizzare queste erbe selvatiche? Utilizziamoli come ingrediente principale per dei delicatissimi gnocchetti verdi, una ricetta davvero leggera, sana e gustosa.

Ricetta: Gnocchi di bruscandoli
Lessate i bruscandoli finchè non risultano morbidi, tritateli grossolanamente e amalgamateli alla farina integrale. La dose di farina va regolata ad “occhio”, un po’ come con gli gnocchi di zucca: l’impasto sarà pronto quando apparirà omogeneo, nè duro nè troppo molle.

Dopo aver amalgamato bene gli ingredienti, lavorate l’impasto fino a formare tanti gnocchi della dimensione di circa 2cm ognuno.
Lessate gli gnocchi in acqua bollente per qualche minuto e condite con olio extravergine di oliva, semi di papavero e (per chi non è vegano) formaggio grana grattuggiato.

Bruscandoli: controindicazioni

I bruscandoli vanno assunti con moderazione, un eccesso di germogli di luppolo può provocare nausea e vertigini.

Hai letto: Bruscandoli: proprietà, controindicazioni e usi in cucina
Jessica Pagotto
Estetista termale, naturopata, iridologa. Esperta in alimentazione naturale, oli essenziali, piante officinali e cosmesi naturale. Ha approfondito i suoi studi in riflessologia plantare classica e con l'uso di oli essenziali e massaggi per le problematiche alla schiena e cervicali. Dopo aver collaborato con medici antroposofici propone rimedi naturali, ricette di cucina naturale, e cosmesi naturale sul suo blog. www.sanieinformanaturalmente.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here