Home Alimentazione Mangiare sano Albicocche: proprietà dei semi e del frutto

Albicocche: proprietà dei semi e del frutto

Ultima modifica: 3 agosto 2016

5831
0
CONDIVIDI
Albicocche e semi di albicocco: proprietà e controindicazioni

Insieme all’estate, tornano alcuni dei frutti più buoni in assoluto. Tra questi possiamo trovare le albicocche, ricche di sostanze nutritive e amiche della nostra salute. Scopriamo insieme le proprietà del frutto e dei semi.

Le albicocche sono un frutto ricco di gusto e proprietà. Appartenenti alla famiglia delle Rosacee, possiamo acquistarle nei mesi di giugno e luglio. L’Italia è uno degli stati produttori maggiori, tuttavia sembra che la pianta di albicocco veniva coltivata già nel 3.000 a.C in Cina, successivamente diffusa grazie ai romani in tutta l’Europa.

Valori nutrizionali per 100g di albicocca:
Acqua86,35 g
kcal48
Proteine1,4 g
Grassi0,39 g
di cui saturi0,027 g
Carboidrati11,12 g
di cui zuccheri9,24 g
Fibre2 g
Vitamina C10 mg
Indice glicemico35
Colesterolo0 g

Proprietà delle albicocche e sostanze nutritive

Le albicocche sono, come del resto quasi tutta la frutta, ricche di acqua (86%). Contengono anche una buona quantità di minerali, tra cui il sodio, il ferro, il calcio, il potassio e il fosforo. Sono perfette per chi deve contrastare l’anemia e, la doppia azione di calcio e vitamina A, permette alle ossa di svilupparsi e mantenersi bene.

Tra le sostanze nutritive dell’albicocca troviamo anche la vitamina C, PP e B17, i glucidi e la fibra alimentare. Tutte queste combinazioni fanno si che il frutto dell’albicocco sia facilmente digeribile, un vero alleato dell’alimentazione corretta.

Le poche calorie delle albicocche, solo 48 Kcal ogni 100 grammi, le rendono ideali all’interno di una dieta che mira a smaltire i chili di troppo.

Il consumo di albicocche è consigliato a coloro che:

  • Soffrono di anemia. E’ risaputo che i vegetali non hanno lo stesso “potere“ degli alimenti di origine animale da questo punto di vista, ma sono comunque un valido alleato per chi ha bisogno di alzare i valori del ferro nel sangue.
  • Hanno bisogno di una carica extra di energia. Le albicocche sono perfette durante le ore di studio/lavoro particolarmente stressanti o come spuntino dopo un intenso allenamento fisico.
  • Vogliono prevenire disturbi nervosi e muscolari, grazie alla presenza di potassio.
  • Soffrono di stitichezza. Proprietà dovuta alla presenza di sorbitolo.

Alcuni studi recenti hanno dimostrato inoltre che le albicocche stimolano la melanina e favoriscono quindi una miglior abbronzatura. Inoltre, agiscono in maniera positiva verso tutti i tessuti dell’organismo stimolando il loro corretto funzionamento.

Tra le altre proprietà delle albicocche troviamo la capacità di proteggere il cuore dalle malattie cardiovascolari e quella di rafforzare gli occhi, grazie alla presenza di beta-carotene e vitamina A.

Le albicocche aiutano a dimagrire?

28 Kcal ogni 100 grammi di polpa e tante fibre altamente digeribili, rendono l’albicocca un frutto amico della dieta e del peso forma. Inoltre, grazie all’alto potere energetico, si rivelano perfette anche per lo spuntino di metà mattina e pomeriggio, donando la giusta carica per arrivare al successivo pasto senza sentire troppo i morsi della fame.

Controindicazioni delle albicocche

Questo frutto non presenta particolari controindicazioni. Il consumo dovrebbe essere moderato da coloro che soffrono di calcoli ai reni. Attenzione ovviamente alle allergie personali.

Nonostante i pochissimi effetti collaterali, è bene ricordare che, come gli studi dimostrano, sono spesso coinvolte nelle allergie crociate. Chi è intollerante al polline delle graminacee (aprile-giugno) potrebbe presentare alcuni sintomi allergici anche consumando albicocche.

Semi di albicocca: i benefici, le proprietà “anti-cancro” e le controindicazioni

I semi di albicocca sono considerati da alcuni uno dei più potenti rimedi naturali contro il cancro. Sembra che queste proprietà fossero già largamente conosciute in Cina e in Pakistan. Anche la scienza moderna sembrava averlo confermato, riconoscendo che all’interno del nocciolo è presente la vitamina B17, la quale inibisce la formazione di cellule tumorali annientando quelle già presenti, senza però andare a interferire con quelle sane.

Tuttavia, nonostante questa iniziale affermazione abbia trovato grandi consensi, la critica è riuscita a smentire queste presunte proprietà, ricordando anzi di non eccedere nel consumo di semi di albicocca visto l’alto contenuto di cianuro. Quantità eccessive di vitamina B17 possono rivelarsi fatali. Alcuni esperti quindi suggeriscono che, per beneficiare degli effetti di questi semi, il consumo dovrebbe essere di 1-2 al giorno, sempre insieme alla polpa del frutto, che come abbiamo visto possiede innumerevoli benefici per l’organismo.

Ricordiamo comunque che vi sono molti sostegni a favore dell’idea che la vitamina B17 possa aiutare realmente a sconfiggere il cancro. Questa vitamina la troviamo, oltre che nelle albicocche, anche in altri frutti come le pesche, le mele, i lamponi, le fragole e le more.

Come utilizzare le albicocche in cucina

Ricordiamo infine che le albicocche possono essere usate in cucina e assumere varie forme. Possono essere consumate come semplice frutto, per la creazione di succhi, frullati, marmellate e gelatine. E’ possibile consumarle fresche o secche. Rende unici dolci di ogni tipo e come abbiamo appena visto, le molte proprietà delle albicocche migliorano lo stato di salute in generale. Questo frutto se integrato in una dieta sana, porta benessere e tanto gusto sulle nostre tavole!

Hai letto: Albicocche: proprietà dei semi e del frutto
Claudia Lemmi
Web Writer, si occupa di creare testi per siti e blog, con una predisposizione verso ciò che riguarda il benessere. Alle spalle ha studi nel mondo dell'arte e dell'estetica. Negli anni si è poi specializzata nelle terapie reiki e di cristalloterapia, mantenendo sempre una viva curiosità verso le medicine alternative e quelle Tradizionali Cinesi. www.pennacreativa.it

LASCIA UN COMMENTO