Home Alimentazione Dieta e salute Semi di lino contro la stitichezza: perché aiutano e come assumerli

Semi di lino contro la stitichezza: perché aiutano e come assumerli

Ultima modifica: 20 novembre 2017

985
0
CONDIVIDI
Semi di lino per la stitichezza

Può capitare soventemente che l’intestino rallenti e si addormenti, provocando fenomeni di stitichezza fastidiosi, spesso anche lunghi. Tra i rimedi naturali più semplici cui ricorrere, compaiono sicuramente i semi di lino, da aggiungere alla propria dieta per le loro innate proprietà lassative ma non solo. Scopriamone di più.

I semi di lino (dalla pianta Linum usitatissimum) si ottengono dalla coltivazione della pianta di lino, facente parte delle otto specie di piante rese domestiche millenni fa dalle comunità agricole dell’Olocene. Il primato come maggior produttore di semi di lino, a livello mondiale, va al Canada, seguito poi da Argentina, India, Cina e Nuova Zelanda; in Europa, invece, tale qualifica spetta alla Francia, cui seguono la Gran Bretagna e il Belgio.

Ricchi di proteine, vitamine del gruppo B, C ed E, Sali minerali (ricordiamo il fosforo, il magnesio, il rame, il sodio, lo zinco, il calcio e il ferro), gli acidi grassi Omega-3 e Omega-6, fibre e mucillagini, i semi di lino (e il rispettivo olio) sono ampiamente utilizzati per le loro preziose virtù, tanto per l’esterno quanto per l’interno dell’organismo.

In particolare, questi semi combattono la formazione delle rughe e danno maggior forza e brillantezza ai capelli; agiscono contro le infiammazioni della gola, le cistiti, le dermatiti e i dolori reumatici; rinforzano il sistema immunitario; migliorano la salute del sistema cardiocircolatorio, prevenendo l’ostruzione delle arterie e la formazione di placche aterosclerotiche; contribuiscono a tenere sottocontrollo i livelli di glicemia e di colesterolo; sono rimineralizzanti, pertanto indicati per prevenire l’osteoporosi; svolgono un’importante azione emolliente sull’apparato gastrico, stimolando la digestione e prevenendo e/o curando la stipsi. Poniamo l’accento su quest’ultimo importante aspetto e vediamo in che modo i semi di lino possano aiutarci a combattere la stitichezza.

Come e perché i semi di lino aiutano in caso di stitichezza

I semi di lino sono tra gli integratori alimentari più utilizzati per riequilibrare l’intestino e agire contro la stitichezza: per le loro proprietà lenitive, carminative ed emollienti, infatti, rinfrescano la flora batterica intestinale, riattivano la peristalsi e coadiuvano una migliore defecazione.

Occorre precisare che i semi di lino non hanno un potere lassativo propriamente detto, non determinando neppure dipendenze di tipo funzionale se presi per lunghi periodi: la loro azione è, invece, meccanica, ed è resa possibile grazie alle mucillagini in essi presenti, vale a dire costituenti delle piante (e anche di alcune alghe) dotati della peculiare caratteristica di rigonfiarsi quando sono a contatto con l’acqua, assumendo un aspetto gelatinoso ma non appiccicoso.

Ciò provoca un aumento del volume delle feci e un loro ammorbidimento che spinge l’intestino a muoversi, favorendo di conseguenza l’evacuazione. L’azione completamente naturale operata dai semi di lino rappresenta un ulteriore beneficio per la salute dell’apparato digerente, la cui membrana può andare incontro a irritazione e, in seguito, a processi infiammatori quando la stipsi diventa particolarmente importante e si è ricorsi ripetutamente ai classici prodotti lassativi: la loro componente mucillaginosa, invece, protegge, lenisce e progressivamente cura le mucose.

Quanti semi di lino si possono assumere ogni giorno per agire contro la stitichezza

Al fine di aiutare il corretto funzionamento dell’apparato digerente prevenendo, così, la stitichezza, è importante avere un’alimentazione ricca di fibre (provenienti soprattutto da verdure e frutta), bere una giusta quantità di acqua ogni giorno (1,5-2 litri) ed evitare la sedentarietà.

Qualora tutto ciò non fosse sufficiente, proviamo a ricorrere all’uso dei semi di lino. A tal proposito, occorre tener presente che il loro effetto “lassativo” non è immediato, ma la loro attività regolatrice può manifestarsi dopo alcuni giorni dalla regolare assunzione.

Per usare i semi di lino contro la stitichezza, la dose consigliabile è di un cucchiaio di semi al giorno. Ma come vanno assunti, interi o macinati? In realtà sono ammessi entrambi i modi e la scelta dell’uno o dell’altro dipende dai benefici che si vogliono trarre da essi: se ingeriti interi, infatti, è sfruttata essenzialmente l’azione lassativa; se macinati, invece, l’apparato digerente potrà assorbire meglio anche tutte le altre sostanze utili presenti.

Il modo migliore per poter usufruire delle loro proprietà contro la stitichezza, quindi, è quello di aggiungerli interi in un bicchiere di acqua, coprire lo stesso e tenerlo a temperatura ambiente per una notte intera. Al mattino si noterà la presenza di una sostanza gelatinosa, da ingerire dopo filtrazione, meglio se a stomaco vuoto.

In alternativa, è possibile ingerire un cucchiaio di semi e subito dopo bere uno o due bicchieri di acqua, così da garantire sempre il rigonfiamento della componente mucillaginosa.

Non assumere se…

Esistono alcune condizioni in cui si sconsiglia l’uso dei semi di lino, nonostante le loro preziose virtù: è il caso di ostruzioni intestinali, diverticoli, sindrome del colon irritabile, disturbi della coagulazione, patologie oncologiche ormone-sensibili.

Durante la gravidanza e l’allattamento, è consigliabile chiedere consiglio al proprio ginecologo di fiducia a causa della presenza di fitoestrogeni. Nei bambini, è preferibile non farne uso a causa dell’immaturità dell’apparato digerente e, in ogni caso, è sempre meglio consultare il pediatra per fugare ogni dubbio.

I semi di lino potrebbero interferire con l’assorbimento di alcuni farmaci, specialmente gli ipoglicemizzanti orali, gli antiaggreganti e anticoagulanti e gli antinfiammatori non steroidei.

Avete mai provato ad usare i semi di lino per combattere la stitichezza? Come vi siete trovati? Condividete con noi le vostre esperienze lasciando un commento!

Dove comprare i semi di lino

Semi di Lino

Semi di Lino

Semi di lino confezionati in atmosfera protettiva, da utilizzare in cucina per arricchire insalate e prodotti da forno oppure per impacchi e cataplasmi.

Semi di Lino Scuri

Semi di lino da agricoltura biologica. Ottimi ingredienti in cucina, i semi di lino aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e sono un ottimo rimedio in caso di stitichezza.

Hai letto: Semi di lino contro la stitichezza: perché aiutano e come assumerli
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Caterina Perfetto
Caterina Perfetto si laurea in Scienze Biologiche presso la Federico II di Napoli. Dopo aver lavorato presso un laboratorio di analisi cliniche, si perfeziona in Igiene Alimentare, Nutrizione e Benessere. Esegue valutazione dello stato nutrizionale, determinazione Massa Magra e Massa Grassa, elaborazione di profili nutrizionali personali e specifici, test per le intolleranze alimentari. Riceve a S. Antimo (NA)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here