Home Alimentazione Dieta e salute Sale rosa: dall’Himalaya un fossile benefico

Sale rosa: dall’Himalaya un fossile benefico

Ultima modifica: 14 giugno 2017

17610
0
CONDIVIDI
sale rosa himalayano

Il sale himalayano è di origine fossile e mantiene nei suoi cristalli dall’inconfondibile colore rosa, tantissimi oligoelementi salutari. Viene usato in cucina per le sue proprietà benefiche soprattutto per combattere l’ipertensione e la ritenzione idrica.

Il sale cristallino dell’Himalaya non è un comune sale marino a cui siamo abituati, ma un sale ricco di microelementi che, uniti al cloruro di sodio, lo rendono un alimento perfetto per chi vuol stare in salute.

Il sale himalayano ha origini antichissime: si è formato infatti a causa dei movimenti tettonici che hanno intrappolato tra le catene montuose dell’Himalaya una porzione di mare. Una volta evaporata l’acqua sono rimaste delle vere e proprie miniere di questo importante sale rosa che viene raccolto, lavato e poi macinato. All’occhio risulta cristallino e questa composizione gli consente di trattenere tantissimi elementi preziosi per il nostro organismo.

Sale rosa VS sale marino

Il sale marino è composto da cloruro di sodio puro per quasi il 98%. Il restante 2% è iodio, fluoro e carbonati. Sono questi elementi, in particolare il cloruro di sodio a rendere il sale un terribile alleato per la ritenzione idrica: il cloruro infatti attira l’acqua e scatena una serie di problemi più o meno gravi, dalla formazione della cellulite fino all’ipertensione passando dai problemi renali.

C’è da considerare anche un altro aspetto: il sale tradizionale deriva dal mare ed è tristemente noto come le acque dei mari siano sempre più inquinate e questo potrebbe portare elementi dannosi nei cristalli di sale. Come se questo non bastasse, il sale marino viene sottoposto a trattamenti chimici che ne alterano la composizione. Il sale rosa dell’Himalaya invece è di origine fossile e viene semplicemente lavato e macinato prima della commercializzazione.

Sale cristallino dell’Himalaya: proprietà benefiche per la dieta

Il sale rosa è ricco di potassio, rame, zinco, iodio e tanti altri microelementi. La sua composizione chimica dipende dal filone di estrazione: in alcune zone delle miniere troveremo sale più ricco di potassio, in altre, ad esempio, di zinco. La presenza di questi oligoelementi lo rende un efficace aiuto contro la ritenzione idrica, al contrario del normale sale marino che invece la favorisce.

Può essere usato al posto del normale sale da cucina per condire le pietanze, tant’è che molte industrie alimentari lo preferiscono per la conservazione dei cibi. Al gusto si presenta più morbido del sale tradizionale e riesce a non coprire i sapori come invece fa il sale marino.


Inserire il sale rosa nella dieta aiuta a riequilibrare il PH naturale della pelle, evitando che diventi troppo secca o troppo grassa. Inoltre è facilmente assorbibile dall’intestino e quindi un coadiuvante per la digestione (sembra infatti che i cibi conditi con sale himalayano siano digeribili più facilmente).

Sono molte le ricette a base di sale rosa che possiamo eseguire in casa. Tra tutte le ricette possibili ricordiamo quella delle patate in crosta di sale. Basta prendere delle patate di media grandezza, ancora con la buccia e adagiarle su un foglio di carta da forno cosparso con sale rosa e qualche goccia di acqua. Ricoprire poi le patate con sale rosa e bagnare nuovamente con qualche goccio di acqua. A questo punto basta chiudere la carta a fagotto e cuocere in forno alto per 30740 minuti, a seconda della grandezza. Un piatto gustoso e sano.


Assunto come soluzione salina si rivela un amico fidato contro l’ipertensione e favorisce anche la circolazione del sangue. La soluzione idrosalina si può acquistare già pronta oppure si può preparare molto semplicemente in casa creando una miscela di sale e acqua all’interno di una contenitore di vetro chiudibile: inserire i cristalli di sale e ricoprirli completamente di acqua, lasciare riposare un’ora e poi assumerne un paio di cucchiai ogni mattina per assorbire tutti i benefici della sostanza. L’importante è usare acqua di sorgente libera da impurità in modo che non alteri la composizione organolettica della soluzione.

Sale rosa: acquisto e consigli di lettura

sale rosa da 1 kg

Sale Cristallino dall’Himalaya 1 kg

I cristalli di sale dell’Himalaya rappresentano, nella completezza della loro forma, un tipo di sale naturale particolarmente prezioso.

Sale Rosa dell’Himalaya – Fino

Un sale fossile, puro, senza additivi e non raffinato, proveniente dalla catena montuosa dell’Himalaya, in Pakistan.

Libro sul sale dell'homalaya

Il Sale dell’Himalaya – Libro

Un testo con la storia, le caratteristiche e i molteplici utilizzi a vantaggio della nostra salute.

Hai letto: Sale rosa: dall’Himalaya un fossile benefico
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Francesca Oliva
Mamma ed esperta di comunicazione online, si occupa di content marketing per diversi blog e siti e di social media marketing. Appassionata di salute e benessere per Viversano.net è redattrice. www.francescaoliva.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here