Home Alimentazione Dieta e salute Morbo di Crohn e dieta: i consigli del nutrizionista

Morbo di Crohn e dieta: i consigli del nutrizionista

Ultima modifica: 16 ottobre 2017

27240
0
CONDIVIDI
Morbo di crohn: alimentazione e dieta

Il morbo di Crohn è una patologia infiammatoria cronica a carico dell’apparato digerente. Esistono delle linee guida specifiche sulla dieta da seguire quando ne si è affetti?

Il morbo di Crohn è un’infiammazione cronica che colpisce prevalentemente l’intestino, ma può interessare anche altri tratti dell’apparato gastrico, dalla bocca all’ano. Esso si caratterizza per la presenza di processi infiammatori sul tubo digerente, a segmenti, sui quali sono presenti ulcere e perforazioni.

È una patologia ubiquitaria che si manifesta soprattutto tra i 15 ed i 30 anni d’età, le cui cause specifiche sono ancora non del tutto chiare, ma viene di certo annoverata tra quelle autoimmuni, con una certa predisposizione genetica.

I sintomi del morbo di Crohn

I sintomi del morbo di Crohn possono variare in base al tratto intestinale interessato, per cui un’infiammazione a carico solo dell’intestino crasso presenterà tra i sintomi la diarrea acuta, dolori addominali specie in basso a destra, talvolta febbre; se, invece, è interessato l’intestino tenue, i sintomi saranno più marcati e ad essi si accompagnano difficoltà di digestione e soprattutto di assorbimento dei nutrienti essenziali attraverso i cibi, tanto più grave quanto più è lungo il tratto colpito.

Ne conseguono una riduzione dell’appetito, una carenza nutrizionale, perdita di peso e quindi una malnutrizione che, unita alla diarrea, può provocare altri problemi correlati come anemia, bassi livelli di acido folico o di vitamina B12.

Spesso, inoltre, al morbo di Crohn si possono associare anche le intolleranze al lattosio e al glutine.

Morbo di Crohn: alimentazione e dieta

È necessario premettere che in questa patologia, al contrario di quanto avviene con altri disturbi, l’alimentazione non ha scopo preventivo perché la malattia ha carattere genetico ed autoimmune.

Una corretta alimentazione può però alleviare i sintomi e i disturbi più importanti apportando un certo sollievo specie nei momenti di acutizzazione del problema. Per poter sapere con certezza quali cibi eliminare dalla propria tavola perché favoriscono l’insorgenza di disturbi intestinali, è buona norma tenere un diario in cui annotare alimenti e fastidi riscontrati, che possono variare da persona a persona, da caso a caso.

In generale, in presenza del morbo di Crohn, è possibile seguire una dieta a basso residuo fisso, ossia quella in cui viene limitato il consumo di fibre (che favoriscono la peristalsi) e di alcuni alimenti che vengono digeriti con difficoltà. Lo scopo di una dieta a basso residuo è quello di limitare i movimenti intestinali per non esacerbare i sintomi dolorosi annessi al morbo di Crohn, come i crampi, la pancia gonfia, la diarrea, i gas intestinali.

Morbo di Crohn: cibi da evitare

  • Pane, pasta e riso integrali
  • Cereali integrali
  • Frutta secca
  • Verdure crude
  • Alcune verdure cotte come broccoli, cavolo, piselli, mais, cavolfiore, cipolle, patate con la buccia
  • Carni grasse, come quella di maiale
  • Carni e salumi affumicati
  • Fagioli e lenticchie
  • Succhi di frutta con polpa e semi
  • Marmellate, confetture, conserve
  • Spezie, peperoncino, curry
  • Caffè, alcolici, bibite gassate
  • Fritture e dolci elaborati

Morbo di Crohn: cibi permessi

  • Pane bianco e crackers senza semi
  • Riso bianco
  • Verdure fresche ben cotte e private di buccia e/o semi, come asparagi, carote, zucchine, fagiolini, zucca
  • Patate bollite senza buccia
  • Carne bianca o rossa magra, tenera e morbida, cotta al vapore o alla griglia
  • Uova
  • Pesce senza lische, magro, lesso o grigliato
  • Frutta in scatola, o cotta; banane, mele, pere
  • Succhi di frutti senza semi o polpa
  • Bevande decaffeinate

I latticini, così come il grano, sono da bandire in caso di intolleranze accertate, altrimenti il loro consumo va limitato perché irritante l’intestino.

Nei casi di malnutrizione, laddove un’alimentazione mirata sia inefficiente perché l’organismo non riesce più a trarne vantaggi nutritivi, sarà necessario ricorrere anche all’uso di integratori di minerali e polivitamine. Altra raccomandazione è quella di introdurre molti liquidi, sia per ripristinare quelli persi attraverso la diarrea, sia per scongiurare il rischio di calcolosi renale, un’evenienza comune tra i soggetti affetti dal morbo di Crohn. Infine, fare piccoli pasti durante la giornata, masticando piano e a lungo, per accorciare e favorire il processo digestivo.

Hai letto: Morbo di Crohn e dieta: i consigli del nutrizionista
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Caterina Perfetto
Caterina Perfetto si laurea in Scienze Biologiche presso la Federico II di Napoli. Dopo aver lavorato presso un laboratorio di analisi cliniche, si perfeziona in Igiene Alimentare, Nutrizione e Benessere. Esegue valutazione dello stato nutrizionale, determinazione Massa Magra e Massa Grassa, elaborazione di profili nutrizionali personali e specifici, test per le intolleranze alimentari. Riceve a S. Antimo (NA)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here