Home Alimentazione Dieta e salute Dieta per l’ipertensione: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili

Dieta per l’ipertensione: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili

Ultima modifica: 16 ottobre 2017

519
2
CONDIVIDI
Ipertensione dieta cosa mangiare e cosa evitare

L’ipertensione è una condizione diffusa e molto seria che una corretta alimentazione può aiutare a prevenire e curare in associazione ad una eventuale terapia. Vediamo cosa introdurre nella dieta e cosa evitare in caso di pressione alta.

L’ipertensione è una condizione per cui la pressione del sangue nei vasi, cioè la “forza” con cui il sangue viene spinto nel torrente circolatorio, risulta più elevata della norma. Solitamente, la pressione sanguigna si misura in millimetri di mercurio (mmHg) e si considerano due valori: la pressione sistolica, detta anche pressione massima, che è la pressione con cui il cuore si contrae e pompa il sangue nelle arterie, e la pressione diastolica o pressione minima, che è quella che si riscontra fra due successive contrazioni, cioè quando il cuore si rilassa.

Non ci sono dei valori di pressione ideali, poiché questa varia in relazione all’età, al sesso, al peso, ma anche alle condizioni ambientali (la temperatura ad esempio) e alle condizioni psico-fisiche (sforzi, emozioni, sonno, veglia).

Tuttavia, ci sono dei limiti da considerare in relazione a queste variabili: si parla di pressione sistolica “normale” se questa è compresa fra 115 e 130 mmHg e di pressione diastolica “normale” se compresa fra 75 e 85 mmHg. Si parla di ipertensione quando la pressione massima tipica dell’individuo supera i 140 mmHg e la minima i 90 mmHg.

In caso di ipertensione il muscolo cardiaco si affatica poiché deve spingere con più forza il sangue nelle arterie e a lungo andare ciò può danneggiare i vasi.
Le cause dell’ipertensione sono molteplici. In alcuni casi è dovuta a patologie preesistenti, quali problemi renali o aterosclerosi ma nella maggior parte dei casi non c’è un’unica causa.

È possibile però individuare dei fattori di rischio che predispongono all’insorgere dell’ipertensione, fra cui: il sovrappeso, il fumo, la sedentarietà, l’età, la familiarità, l’abuso di alcool, lo stress, l’ipercolesterolemia, il diabete, e non per ultima, un’alimentazione errata.

Molto spesso l’ipertensione è asintomatica e proprio per questo motivo è una condizione da tenere sotto controllo perché può portare a danni molto gravi, come l’ischemia e l’infarto del miocardio, ma anche complicanze renali e cerebrali.

La cura dell’ipertensione, se questa viene diagnosticata in tempo, può semplicemente consistere in un cambiamento delle abitudini di vita, ossia nell’intraprendere una dieta sana ed una vita attiva, evitando il fumo e gli eccessi alimentari. Se invece si tratta di una condizione grave, sarà necessario ricorrere a terapie che il cardiologo prescriverà. Nessuna terapia, anche farmacologica, potrà però prescindere dall’attuazione di uno stile di vita più sano.

Dieta per ipertensione: cosa mangiare e cosa evitare

In caso di ipertensione, dieta e alimentazione sono uno dei fattori chiave, sia nella prevenzione che nel trattamento del problema. Esistono delle raccomandazioni fondamentali per chi ne è affetto:

  • Perdere il peso in eccesso, qualora ci sia una condizione di sovrappeso: una dieta ipocalorica e bilanciata, accompagnata da un’adeguata attività fisica, sarà in grado di farci perdere peso a tutto guadagno della nostra salute;
  • Ridurre il sale ed evitare le fonti di sodio nella dieta: dobbiamo considerare non solo il sale che utilizziamo per condire le pietanze ma anche quello nascosto in alcuni alimenti come i prodotti da forno, le carni conservate, i cibi pronti e le conserve. La quantità di sale che dovremmo quotidianamente consumare è di circa 5 g;
  • Evitare gli alcolici: l’abuso di alcool, come è ben noto, contribuisce ad aumentare la pressione arteriosa, oltre che i livelli plasmatici di trigliceridi e colesterolo, strettamente connessi alle patologie cardiache;
  • Evitare i cibi grassi: i grassi contribuiscono ad aumentare il livello di colesterolo nel sangue, che a sua volta aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari;
  • Aumentare il consumo di fibre sotto forma di frutta e verdura: le fibre e i minerali in esse contenuti contribuiscono ad allontanare i radicali liberi, causa di danni ai vasi sanguigni, e a ristabilire l’equilibrio fra i minerali;
  • Consumare cibi ricchi di potassio: il potassio regola la pressione arteriosa ed aumenta l’escrezione di sodio;
  • Smettere di fumare: il fumo causa vasocostrizione e quest’ultima causa l’aumento della pressione sanguigna;
  • Tenere sotto controllo lo stress: lo stress induce l’organismo a sintetizzare ormoni che determinano una vasocostrizione ed un aumento del battito cardiaco, fattori che, protratti nel tempo, contribuiscono ad aumentare la pressione sanguigna.

Inoltre, la dieta per l’ipertensione prevede alcuni alimenti che sarebbe meglio evitare e altri, invece, che andrebbero consumati con moderazione. Vediamo allora quali sono gli alimenti da evitare e da consumare con moderazione in caso si sia affetti da ipertensione o la si voglia semplicemente prevenire.

Cibi sconsigliati Alimenti sconsigliati: Cibi da consumare con moderazione Da consumare con moderazione:
Alcolici Pane
Liquirizia Pizza
Acciughe salate Formaggi stagionati
Zuppe pronte Caffè
Pollo allo spiedo da rosticceria Affettati magri
Legumi in scatola Dolci
Cibi conservati in salamoia
Salumi Carni rosse
Salse Cracker
Dadi ed estratti di carne Biscotti
Arachidi salate Cereali da colazione
Snack salati Fette biscottate
Bevande zuccherate
Cibi affumicati

5 alimenti che regolano e abbassano la pressione

Così come ci sono dei cibi da evitare o da assumere con moderazione, esistono anche cibi che ci aiutano a regolare la pressione sanguigna. Vediamone i principali 5.

1 Barbabietola

La barbabietola ed il succo che se ne ricava potrebbero avere un ruolo nella regolazione della pressione sanguigna a causa del loro contenuto di nitrati che il nostro organismo converte in ossido nitrico, un agente vasodilatatore, il quale agisce positivamente sulla funzionalità dei vasi sanguigni e conseguentemente contribuisce ad abbassare la pressione sanguigna.

2 Cacao

Il cacao, ricco di polifenoli, mostra spiccate proprietà protettive per il sistema cardiovascolare, e fra queste, anche attività antipertensive.

3 Aglio

L’aglio è noto per le sue proprietà regolatorie nei confronti della pressione sanguigna e vari studi scientifici lo dimostrano. Tale proprietà è dovuta all’allicina in esso contenuta. Tuttavia questo composto si degrada con la cottura e quindi è consigliabile mangiare l’aglio crudo, meglio se schiacciato o tritato.

4 Semi di lino

Uno studio condotto nel 2014 su individui affetti da ipertensione ha dimostrato che un consumo quotidiano di 30 g di semi di lino ha effetti antipertensivi, poiché tali semi sono in grado di abbassare la pressione sistolica in modo significativo. Tale azione sembra sia da attribuirsi all’acido alfa linolenico, un acido grasso della serie omega 3 di cui i semi di lino sono ricchi.

5 Cannella

Oltre alle proprietà ipoglicemizzanti, antiossidanti ed antinfiammatorie, questa spezia possiede anche proprietà antipertensive, poiché agisce da vasodilatatore che ha effetti opposti alla vasocostrizione sulla pressione sanguigna.

Hai letto: Dieta per l’ipertensione: cosa mangiare, cosa evitare e 5 alimenti utili
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Azzurra De Luca
Biologa nutrizionista con un dottorato di ricerca in Scienze Morfologiche Molecolari. Negli ultimi anni ha lavorato negli Stati Uniti presso la Stanford University nel campo della biochimica e della biologia molecolare. Oggi esercita a Bracciano e Roma ed esegue analisi dello stato nutrizionale, valutazione della composizione corporea ed elaborazione di piani nutrizionali per singoli o comunità di individui in stati fisiologici e patologici. Per consulenze contattare: 339 2746320 - www.adlbio.it

2 COMMENTI

    • Salve Anna,
      non ci sono particolari problemi legati all’assunzione delle spezie da lei citate e dei semi di lino, che al contrario possono migliorare la salute cardiovascolare.
      Tenga tuttavia presente che tutte le spezie possono interagire con i farmaci e a tal proposito vale sempre il consiglio di condividere con il medico curante che prescrive la terapia farmacologica tutte le integrazioni alimentari che si è soliti attuare. Nel caso particolare può trovare indicazioni sulle interazioni della cannella in questo articolo: http://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/le-proprieta-curative-della-cannella/.
      Dott.ssa Stefania Cocolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here