Home Alimentazione Dieta e salute Broccoli: 7 benefici scientificamente provati

Broccoli: 7 benefici scientificamente provati

Ultima modifica: 12 settembre 2017

573
0
CONDIVIDI
7 benefici dei broccoli scientificamente provati

Dal campo, alla tavola per portare al nostro corpo molti vantaggi: parliamo dei broccoli. Un ortaggio dalle molte proprietà benefiche per la nostra salute. Scopriamone insieme le 7 principali.

Gran parte della conoscenza sulla biologia vegetale per uso alimentare è legata alla comprensione di verdure come i broccoli e più in generale della famiglia a cui appartengono, le crocifere (Cruciferae o Brassicaceae).

Il nome deriva dalla disposizione a croce dei quattro petali del fiore. Questa famiglia non comprende solo i broccoli, ma anche cavolini di Bruxelles, cavolo, cavolfiore, verza, cime di rapa e forse non tutti lo sanno, anche la senape. Sia i broccoli che le altre varietà sono un tipico alimento invernale ed è quindi preferibile consumarli in questa stagione.

Le crocifere si trovano praticamente in tutti i continenti e sono particolarmente presenti nel Mediterraneo, in Europa centrale e nell’Asia occidentale oltre che in Nord America. In un contesto storico più ampio, i broccoli erano in origine un tipo di cavolo selvatico e ci sono voluti secoli di pratica agricola selettiva per consentire la sua evoluzione verso le varietà oggi conosciute ed utilizzate in tantissimi piatti della cucina di tutto il mondo. I broccoli però oltre ad essere una ottima pientanza sulle nostre tavole, posseggono benefici importanti per la nostra salute. Vediamo insieme i principali.

Broccoli: i 7 benefici scientificamente dimostrati

Che i broccoli e gli altri ortaggi della stessa famiglia avessero proprietà benefiche per la nostra salute era noto anche agli antichi Romani e Greci. Sembra infatti che li sfruttassero per curare diverse malattie e in occasione di festosi banchetti li consumavano crudi in buone quantità per limitare gli effetti collaterali dell’alcool.
La composizione stessa dei broccoli è molto interessante.

Sono infatti ortaggi ricchi in sali minerali, come zinco, calcio, ferro, fosforo, potassio; vitamine (A, gruppo B, C, E, K); fibra alimentare; tiossazolidoni, sostanze utili nel trattamento di patologie legate alla tiroide.

Inoltre contengono potenti sostanze anti-infiammatorie e antiossidanti come i polifenoli, l’isotiocianato e il sulforafano. Questi ultimi due elementi in particolare sembrano essere in grado di prevenire lo stress ossidativo, meccanismo alla base dell’invecchiamento cellulare e dello sviluppo di diverse patologie. Vediamo ora 7 benefici dei broccoli dimostrati dalla scienza.

1 Broccoli: possibili alleati nella lotta contro il cancro

Negli ultimi decenni, diversi studi hanno segnalato la potenziale attività chemio-preventiva del sulforafano, un derivato dalla glucorafanina, entrambe sostanze che si trovano in grandi quantità nelle crocifere. Il sulforafano è risultato essere attivo contro diverse forme di cancro, dallo sviluppo alla progressione di malattia. I potenziali effetti del sulforafano vanno dalla protezione delle cellule dai danni al DNA alla regolazione del ciclo cellulare favorendo i processi che inducono la morte cellulare; inoltre il sulforafano limita la formazione di nuovi vasi sanguigni che nutrono il tumore.

Alcuni esperimenti di laboratorio, hanno infatti dimostrato che il sulforafano potrebbe avere proprietà preventive nei confronti della crescita di cellule tumorali. Un test in vitro su cellule di carcinoma renale ha dimostrato che l’aggiunta di sulforafano al un trattamento standard, può ritardare lo sviluppo della resistenza alla terapia. Ulteriori studi sono dunque necessari per approfondire il potenziale di queste sostanze.

2 L’azione disintossicante dei broccoli

Ogni giorno il nostro corpo viene a contatto con sostanze non sempre positive per la nostra salute. È importante periodicamente fare una “pulizia”, magari con un trattamento cosiddetto “detox”. Le glucorafanine presenti nei broccoli aiutano a migliorare la nostra capacità di disintossicazione. Sostanzialmente, agiscono sulle molecole potenzialmente tossiche e le rendono pronte per l’eliminazione da parte del nostro corpo. Questa proprietà è molto utile per il fegato, l’organo “filtro” dove in genere si accumulano sostanze di scarto e i grassi da eliminare.

3 Broccoli complici per il sistema cardiovascolare

Studi recenti suggeriscono che l’assunzione di broccoli contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo LDL nel nostro sangue. L’LDL è noto per essere un fattore predisponente lo sviluppo di alcune malattie cardiovascolari.

Le vitamine del complesso B presenti nei broccoli possono anche contribuire a salvaguardare la salute del sistema cardiovascolare. Esse possono limitare l’eccessiva formazione di omocisteina, una molecola che aumenta il rischio di andare incontro ad aterosclerosi, ictus e attacco di cuore. 
Le proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti dei broccoli contribuiscono alla prevenzione da queste malattie invalidanti.

4 Difficoltà nella digestione? I broccoli danno una mano

L’aiuto nella digestione fornito dai broccoli è di due tipi: il contenuto in fibra e l’apporto di isotiocianato (ITC). 
La fibra gioca un ruolo fondamentale nel processo digestivo e di assorbimento dei nutrienti introdotti con l’alimentazione. Introdurre un corretto apporto di fibra facilita il transito del cibo attraverso il nostro intestino, aiuta a regolarne l’attività e salvaguarda la flora batterica intestinale. Importante ricordare che bere molta acqua favorisce l’azione della fibra alimentare.

Accanto di fibre alimentari, troviamo anche i glucosinolati, fitonutrienti contenuti nei broccoli che vengono convertiti in isotiocianati (ITC). Essi, insieme al sulforafano, aiutano a proteggere lo stomaco, prevenendo anche la proliferazione di Helicobacter pylori, un batterio che se non controllato che può determinare lo sviluppo di patologie importanti quali gastrite cronicaulcera peptica e cancro allo stomaco.

5 Un aiuto per i nostri polmoni

Uno studio pubblicato dal gruppo del Dr Barnes, ha mostrato come le sostanze dalle proprietà antiossidanti contenute nei broccoli, agiscono sulle cellule dell’epitelio bronchiale in vitro limitando i danni da stress ossidativo.

Tale meccanismo, a livello dei polmoni, è anche alla base dell’infiammazione che caratterizza una malattia respiratoria chiamata BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva). In particolare, il sulforafano avendo un effetto antiossidante potrebbe limitare l’infiammazione ed essere quindi di supporto nel trattamento dei pazienti che soffrono di questa malattia.

Si ipotizza inoltre che le proprietà anti-infiammatorie di alcune sostanze contenute nei broccoli, potrebbero giocare un ruolo importante nel controllo di altre patologie legate alle vie respiratorie, pensiamo ad esempio all’asma allergico.

6 Broccoli per la salute della vista

La salute dei nostri occhi può essere favorita anche grazie all’assunzione di alcune sostanze preziose che sono contenute anche nei broccoli. Parliamo di due carotenoidi, la luteina e la zeaxantina, che nei broccoli sono contenute in concentrazioni significative e svolgono un ruolo particolarmente importante nella prevenzione di malattie che coinvolgono la retina, la macula dell’occhio (per esempio, la degenerazione maculare) e di problemi comuni come la cataratta. Entrambi i carotenoidi agiscono sempre attraverso il meccanismo che contrasta lo stress ossidativo.

7 Pelle senza rughe? Scegliamo i broccoli

L’elevato contenuto anche in vitamine ed in particolare la vitamina A, C ed E permette di avere una azione benefica anche sulla nostra pelle. La vitamina A interviene nella formazione di due sostanze fondamentali per mantenere elastica la pelle.

Si tratta del retinolo e del collagene. La vitamina A agisce inoltre stimolando l’espressione di alcuni enzimi specifici, alcuni dei quali hanno la funzione di migliorare lo spessore cutaneo, diminuendo così la profondità della ruga. Le vitamine C ed E agiscono invece come antiossidanti, ritardando quindi l’invecchiamento cellulare e contrastando i radicali liberi, anche a livello della nostra pelle.


Tante proprietà dunque per i broccoli! Forse l’unico elemento negativo è l’odore intenso che si diffonde durante la cottura: ciò è dovuto alla discreta quantità di zolfo che queste piante contengono. Un piccolo accorgimento per ridurre questo “problema” è l’utilizzo di qualche goccia di limone durante la cottura.

Sicuramente vi sarà capitato di cucinare squisiti piatti con broccoli, magari anche per i più piccoli, spesso restii ad assaggiare le verdure. Vi invitiamo a condividere le vostre ricette di successo e a suggerire qualche trucchetto per invogliare anche i bambini a gustare queste straordinarie verdure.

Hai letto: Broccoli: 7 benefici scientificamente provati
© Copyright Viversano.net, tutti i diritti sono riservati. In nessun caso è consentita la riproduzione dei contenuti qui pubblicati. Per maggiori informazioni consultare la pagina Avvertenze e condizioni.
Chiara Mossali
Laureata in Biotecnologie, ha lavorato come Ricercatrice per progetti legati alla genetica umana, veterinaria e alimentazione. Grande interesse per la scrittura in particolare legata a temi in ambito medico-scientifico, dapprima una passione personale e poi trasformata in una vera professione. Si occupa di progetti educazionali e di aggiornamento rivolti non solo alla classe medica, ma anche al grande pubblico per contribuire alla diffusione delle novità più importanti legate alla scienza e alla salute.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here